Violati i Server RSA

Stamattina mi sono svegliato con una di quelle notizie la cui eco rimbomberà per un bel pezzo nell’arena Infosec. Il blog di Sophos riporta difatti che la nota azienda di sicurezza RSA, specializzata in sistemi di autenticazione forte (in pratica da lei inventati) è stata vittima di un attacco informatico che ha portato alla sottrazione di alcune importanti informazioni.

La notizia è stata comunicata da RSA stessa mediante uno stringato comunicato sul proprio sito. Sebbene l’Azienda sia riuscita a rilevare l’attacco e abbia da subito rafforzato le misure di sicurezza, purtroppo non ha potuto impedire la sottrazione di preziose informazioni dai propri server tra cui alcune relative al sistema di autenticazione forte OTP a due fattori, RSA Secure-ID, che da anni costituisce la soluzione ammiraglia della Casa (che di fatto ha inventato l’omonimo algoritmo di crittografia asimmetrica). Chi di noi non ha mai utilizzato almeno una volta il piccolo quadrante con i numerini magici che cambiano ogni 10 secondi?

I dettagli dell’attacco non sono noti: RSA ha dichiarato di essere stata vittima di un extremely sophisticated cyber attack, ma sembra che alla base ci sia comunque un Advanced Persistent Threat, un attacco quindi estremamente sofisticato, portato su molti livelli e, probabilmente, avente l’utente come punto di ingresso (a questo link una ottima definizione della tipologia di attacco).

Come accennato in precedenza, il lato peggiore della vicenda risiede nel fatto che sembra siano state rubate anche alcune informazioni relative alla soluzione di autenticazione a due fattori. Allo stato attuale non ci sono notizie di possibili attacchi ai danni dei clienti (RSA produce la maggioranza dei token OTP presenti sul mercato utilizzati per gli usi più variegati: dalle transazioni bancarie all’accesso remoto di operatori), tuttavia:

this information could potentially be used to reduce the effectiveness of a current two-factor authentication implementation as part of a broader attack.

Ovvero i dati sottratti potrebbero essere utilizzati per mitigare l’efficacia dell’attuale sistema di autenticazione a due fattori all’interno di un attacco di più ampio respiro.

RSA fornirà presto ai propri clienti alcune raccomandazioni per rendere più sicura la propria infrastruttura di autenticazione a due fattori, nel frattempo, in collaborazione con la U.S. Securities and Exchange Commission ha pubblicato le seguenti raccomandazioni:

  • Aumentare il livello di sicurezza relativamente alle applicazioni di social media e all’utilizzo delle stesse (e di eventuali altri siti web) a chiunque abbia accesso a porzioni di reti critiche;
  • Utilizzare password complesse, corredate da PIN;
  • Utilizzare la regola del least privilege nell’assegnare ruoli e responsabilità agli amministratori di sicurezza (qualsiasi amministratore deve accedere al livello minimo di informazione indispensabile per effettuare la propria attività);
  • Educare gli utenti all’importanza di evitare mail sospette e ricordare loro di non fornire nomi utente o altre credenziali a nessuno senza averne prima verificato identità e autorità. Non fornire mai credenziali in seguito a richieste effettuate tramite mail o telefono e denunciare subito questi comportamenti;
  • Porre attenzione alla protezione dei repository Active Directory, utilizzando tecnologie SIEM (Security Information & Event Management) e autenticazione a due fattori per l’accesso agli stessi repository;
  • Monitorare attentamente i cambiamenti dei privilegi utente e relativi diritti di accesso utilizzando tecnologie di monitoraggio (ad esempio il già citato SIEM) e considerando l’aggiunta di livelli di approvazione manuale per questi cambiamenti;
  • Effettuare l’hardening, il monitoraggio attivo, e contestualmente limitare l’accesso fisico alle infrastrutture che ospitano informazioni critiche;
  • Esaminare le procedure dell’help desk alla ricerca di eventuali brecce di informazioni che possano implicitamente aiutare un attaccante ad effettuare un attacco di tipo social engineering;
  • Aggiornare sempre tutta l’infrastruttura di sicurezza ed i sistemi operativi con le ultime patch di sicurezza.

Ancora una volta nel corso del 2011 l’equazione APT=furto di informazioni si rivela tristemente vincente ed efficace. Non sono ancora trapelati dettagli sull’attacco ma, dall’analisi delle raccomandazioni fornite, si delineano alcuni tratti comuni: la “compromissione” dell’utente come punto di ingresso per la compromissione dell’infrastruttura. D’altronde se si analizzano le raccomandazioni fornite e le si confrontano con la morfologia dell’attacco Night Dragon, non trovate che siano perfettamente coincidenti con le vulnerabilità umane e tecnologiche sfruttate in quel contesto?

Leave a Reply

%d bloggers like this: