Un Androide Da Sogno… Anzi Da Incubo… Magari Alieno…

Il sogno è quello del nuovo (ennesimo) malware che ha preso di mira il povero Androide (chiamato romanticamente DroidDream). L’incubo è questo scorcio di 2011 che si dimostra veramente un anno di passione per la creatura di Mountain View. L’Alieno è quello con cui l’Androide potrebbe ben presto infettare altri dispositivi (magari anche qualche bella Mela…)

Ma andiamo con ordine: l’ultimo allarme  di sicurezza in ordine di tempo proviene ancora una volta da Lookout (che dimostra una volta  in più di vederla lunga in fatto di mobile malware) ed è stato ripreso poco dopo da Symantec che lo ha invece battezzato il malware nuovo arrivato Android.Rootcager.

La differenza rispetto agli illustri predecessori d’oriente (Geinimi, HongTouTou e l’ultimo arrivato ) risiede nel fatto che questa volta il nemico è tra noi: la nuova minaccia è stata difatti abilmente celata dentro 50 applicazioni ufficiali, regolarmente mantenute nell’Android Market ufficiale. Secondo una stima di Symantec, addirittura, sono stati tra 50.000 e  200.000 gli utenti che hanno scaricato le applicazioni vettori di infezione nei  4 giorni in cui queste sono state nella cresta dell’onda, o sarebbe meglio dire nella cresta dell’onta di Google che se ne è accorta tardivamente e addirittura, secondo Lookout, non ha intrapreso subito azioni efficaci.

Tanto per cambiare il malware prende di mira i dati personali ed il primo utente ad accorgersi dell’anomalia è stato Lampolo, un utente del Social Network Reddit, che ha analizzato due applicazioni sospette, allarmato dal fatto che avessero cambiato nome dello sviluppatore. Analizzando le applicazioni sosepette, Lampolo ha scoperto al loro interno codice maligno in grado di scavalcare il recinto di sabbia di sicurezza (la famigerata sandbox)  in cui l’Androide dovrebbe far girare ile applicazioni impedendogli di accedere direttamente al sistema (ma d’altronde che il recinto di sabbia dell’Androide non sia il massimo della sicurezza non è una novità).

Un ulteriore blogger di Android Police, Justin Case, ha dato uno sguardo un po’ più da vicino alle applicazioni malevole e ha scoperto che il codice maligno è in grado di rootare il dispositivo, mediante lo strumento rageagainstthecage ben noto a chi ha come hobby quello di comprare un androide per prendergli subito la root. Una volta ottenuti i privilegi il malware è in grado di inviare (questa non me l’aspettavo proprio) informazioni sensibili del dispositivo (IMEI e IMSI) ad un server remoto. Il codice cela anche un ulteriore pacchetto APK nascosto all’interno del codice che è in grado di rubare ulteriori dati sensibili.

A questo link, (o quest’altro) la lista completa delle applicazioni infette, riconoscibili per essere riconducibili a tre autori ben precisi: “Kingmall2010”, “myournet” o “we20090202”. Chi non si sentisse particolarmente sicuro può controllare anche la presenza del servizio com.android.providers.downloadsmanager (DownloadManageService) tra i servizi in esecuzione.

Tutti questi mali di stagione sono solo eccezioni, ovvero coda di un Inverno che per l’Androide non sembra mai finire, oppure prefigurano quella che sarà una battaglia senza fine tra autori di malware e forze del bene?

Purtroppo propendo di più per la seconda ipotesi involontariamente rafforzata anche dal fatto che l’Androide, per semplificare la vita agli sviluppatori, utilizza una Java Virtual Machine (la famigerata Dalvik al centro di una causa contro l’Oracolo di Larry Ellison) per far girare il codice, evidenza architetturale che sicuramente aiuta gli sviluppatori, ma, per contro, potrebbe avere pesanti ripercussioni in termini di sicurezza. Il perchè è spiegato in questo articolo di McAfee: “Write Once, Mobile Malware Anywhere“, l’utilizzo di Macchine Virtuali per lo sviluppo ha implicitamente diversi benefici (o sarebbe meglio dire malefici) per il malware.

In effetti se si utilizza una macchina virtuale:

  • Si mantiene la compatibilità visto che le API rimangono le stesse;
  • E’ possibile riutilizzare il codice (alcune porzioni quali l’invio di SMS, il trasferimento Bluetooth, etc.) non devono essere riscritte;
  • Soprattutto rende il malware estremamente contagioso visto che può attaccare diversi dispositivi o Sistemi Operativi che utilizzino una macchina virtuale compatibile con l’originaria.

Poiché la macchina virtuale Dalvik potrebbe presto sbarcare su altri dispositivi,  ne consegue che ben preso l’Androide potrebbe diventare il paziente zero per altri dispositivi. Del lavoro di RIM per sviluppare una JavaVirtual Machine compatibile con l’Androide avevo già parlato in questo post, ora sembra che anche Myriad, un membro della Open Handset Alliance che collabora con Google per lo sviluppo di Android sia al lavoro per un Androide Alieno (ovvero una macchina virtuale compatibile con Dalvik definita scherzosamente Alien Dalvik) in grado di far girare applicazioni Android non modificate su piattaforme aliene, per giunta alla stessa velocità dell’androide nativo (dopo il danno del contagio la beffa della stessa velocità di propagazione dell’infezione).

Certo, conoscendo le politiche di Cupertino, dubito che vedremo mai una Macchina Virtuale Aliena nel cuore della Mela, ad ogni modo, tutto lascia comunque suppore che l’Androide possa diventare la piattaforma di riferimento (anche) per il malware con la conseguenza che  ben presto non dovremo più preooccuparci del solo malware mobile terrestre, ma anche di quello Alieno (molto più alieno di quello con cui Jeff Goldblum salva la Terra su Indipence Day).

One thought on “Un Androide Da Sogno… Anzi Da Incubo… Magari Alieno…

Leave a Reply

%d bloggers like this: